UPCYCLING Restituire una nuova vita a oggetti e materiali

attrezzi in officina

UPCYCLING Restituire una nuova vita a oggetti e materiali

Parliamo di “Upcycling” la nuova tendenza che prende piede anche in Italia e abbraccia molti settori tra i quali moda, architettura e arredamento. La crescente richiesta di prodotti personalizzati e su misura si sposa perfettamente con questa filosofia e con l’utilizzo di oggetti vintage da reinterpretare.

Nata negli Stati Uniti a metà degli anni ’90 grazie a Reiner Pilz che ne parlò in un’intervista evidenziando per primo la differenza tra il riciclaggio, definito da lui down-cycling e l’up-cycling, inteso appunto come reinterpretazione dell’oggetto atta ad aumentarne il valore estetico e funzionale. Da qui si è sviluppato fino a diventare un movimento condiviso dai giovani, molto attenti ad ambiente e impiego delle risorse naturali, fino a sbarcare in Europa e in Italia, dove aziende di spicco e startup sviluppano progetti innovativi.

In questo articolo “Upcycling, il fenomeno trasversale che fa bene al pianeta” scritto dalla redazione di WIRED in collaborazione con  Nutella® troviamo esempi di come si possa applicare tale concetto. Dal mitico barattolo di Nutella® che diventa un orologio grazie alla collaborazione con Alessi concepita da Giulio Iacchetti, ai telefonini e abbigliamento. Fino alla reinterpretazione di lastre in marmo del designer carrarese Moreno Ratti, alle montature per occhiali realizzate con vecchie tavole snowboard dalla startup Uptitude e altro ancora.

Il mondo del vintage offre molti spunti per fare upcycling, ma servono capacità e creatività per reinterpretare gli oggetti e restituire loro una nuova chance. Se hai idee lascia un commento oppure scrivici cliccando qui. Grazie

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *